Piuttosto Che

5.20

Valeria Della Valle

Categoria:

Descrizione

“Piuttosto che” usato al posto di “o” è un’espressione che merita, proprio come «un attimino» o «quant’altro», un posto di primo piano fra i cosiddetti tormentoni, con l’aggravante di essere un errore: il suo significato corretto, infatti, è «più che», «invece di», «anziché». Un tipico errore «di moda», che si è affermato grazie ai media. In questo libro, gli autori hanno elencato in ordine alfabetico altri 300 errori molto comuni, veniali o più gravi. Li hanno trovati disseminati nei giornali, nelle chat e nei blog e, in gran numero, nelle conversazioni televisive e nelle dichiarazioni di personaggi pubblici, a conferma di quanto sia facile cadere in certi trabocchetti anche in situazioni nelle quali il linguaggio dovrebbe essere più attento e sorvegliato. Attraverso i «cattivi esempi» i due linguisti hanno messo a punto uno strumento utile e divertente da usare come test di autovalutazione o per un veloce «ripasso» delle forme da evitare in vista di un esame o di un concorso. Se è vero, infatti, che l’evoluzione della lingua ha semplificato le regole della comunicazione e cambiato il modo di giudicare gli errori, è pur sempre vero che, se si vuole parlare e scrivere correttamente, bisogna interrogare la grammatica e seguire i colorati insegnamenti della matita rossa e blu.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Piuttosto Che”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *