fbpx
Top
Grammatica

Il corretto uso della punteggiatura

Sembrerà una sciocchezza ma in realtà il corretto uso della punteggiatura rappresenta uno dei principali scogli da affrontare nella stesura di un testo, a meno che non siate James Joyce. Una corretta punteggiatura favorisce la massima comprensione di ciò che si legge e aiuta, quindi, lo scrittore a comunicare nella maniera migliore al lettore, come se stesse raccontando a voce ciò che in realtà ha scritto. Grazie alla punteggiatura, infatti, è possibile riprodurre graficamente nella lingua scritta le pause, le interruzioni, gli stati d’animo e tutti gli elementi espressivi che nella lingua parlata sono dati dall’intonazione. Si può affermare dunque che la punteggiatura sta alla lingua scritta come l’intonazione sta alla lingua parlata e sappiamo bene quanto il tono con cui vengono dette le cose è fondamentale per la giusta comprensione nella comunicazione. Chiarezza, ordine e comprensibilità sono ciò che la punteggiatura offre ad un testo. Partiamo dunque analizzando il valore e le funzioni dei vari segni di punteggiatura.

Il punto

Indica una pausa lunga e si usa:

  • per concludere un periodo: Marco era molto interessato alla lezione. Livia, invece, si distraeva facilmente.
  • nelle abbreviazioni e nelle sigle: d.C = dopo Cristo, FF.SS. = ferrovie dello stato.

Dopo il punto è necessaria la lettera maiuscola e, se l’argomento è concluso, si va a capo.

La virgola

Indica una pausa breve e si usa:

  • per dividere le parole o gli elementi di un elenco o di un’enumerazione: Ho comprato latte, biscotti, cereali e yoghurt per la colazione.
  • per isolare un vocativo: Figliolo, non correre!
  • per isolare delle apposizioni o degli incisi: Maria, la mamma di Sergio, prepara degli ottimi dolci.
  • per separare due proposizioni coordinate (evitando di ripetere la congiunzione “e”): Luca si avvicinò troppo al fuoco, si bruciò.
  • per separare una proposizione da un’altra introdotta dalle congiunzioni ma, però, invece, tuttavia, poichè, mentre, sebbene, dal momento che, ecc…: Era molto freddo, ma sono uscita lo stesso.
  • dopo alcuni avverbi come sì, no, bene, ecc…: Sì, va bene così.

La virgola non si usa mai:

  • tra soggetto e verbo: Il gatto, gioca. (X)
  • tra verbo e complemento oggetto: Ho mangiato, un cioccolatino. (X)
  • prima di “e”, “nè”, “o”: Mangio pasta, e patate. (X) Non ho nè un foglio, nè una penna. (X) Questo, o quello? (X)

Punto e virgola

Indica una pausa media e si usa:

  • per separare due o più proposizioni all’interno di un periodo lungo: L’anno scorso sono stata a New York dai miei parenti e mi sono divertita; una volta tornata però ne sentivo la nostalgia.

Due punti

Indicano una pausa rapida e si usano:

  • per introdurre un discorso diretto: Luca propose: “Mangiamo una pizza”
  • per introdurre un elenco, un’enumerazione: Occorre comprare le seguenti cose: pane, latte, riso, frutta, ecc…
  • per introdurre un esempio: Ad esempio: 3+4=7
  • per introdurre una spiegazione, una precisazione: Forse te l’ho ancora detto: domani è il mio compleanno.

I due punti non si usano mai tra il predicato verbale e il complemento oggetto, anche se si tratta di un elenco. Non si scrive: Bisogna comprare: latte, uova e farina. Bensì, si scrive: Bisogna comprare latte, uova e farina.

Punto interrogativo

Si usa:

  • per concludere una domanda diretta: Come stai?
  • per esprimere un dubbio, esortazione, sorpresa: Ne sei sicuro?

Dopo il punto interrogativo occorre la lettera maiuscola.

Punto esclamativo

Si usa:

  • per esprimere gioia, sorpresa, meraviglia, dolore, comando, rimprovero, ecc…: Wow! Smettila!
  • insieme al punto interrogativo per esprimere incredulità, perplessità o ironia: Ma stai scherzando?!
  • insieme ad altri punti esclamativi per accentuare la forza e la violenza dell’esclamazione: Assolutamente no!!!

Dopo il punto interrogativo si mette la lettera maiuscola.

Puntini di sospensione

Indicano una sospensione del discorso e si usano:

  • per lasciare in sospeso una frase per dubbio, incertezza, agitazione, gioia, ironia: Non sono molto d’accordo…
  • per lasciare in sospeso una frase di cui si può intuire la conclusione: Alla fine chi troppo vuole…

Virgolette

Le virgolette basse « » si usano per racchiudere un discorso diretto: La mamma domandò: «Come è andata oggi a scuola? »

Le virgolette alte ” ” si usano:

  • per racchiudere citazioni, parole testuali: Si è definito “furbo” ma alla fine non lo è stato.
  • per racchiudere titoli: Ho appena comprato “Gli ultimi figli di Roma”, è geniale.
  • per mettere in evidenza frasi o parole dal significato particolare, ad esempio ironico o polemico: Si può considerare davvero uno stato “democratico”?

Lineette

Si usano:

  • per indicare il distacco tra le battute di un dialogo: – Hai fame? – chiese la mamma.
    – No – rispose Marco.
  • per eliminare un inciso: Il professore – come appena dimostrato – sapeva il fatto suo.

Trattino

Si usa:

  • per unire due termini che non formano una parola composta: il vocabolario Inglese-Italiano
  • per dividere le sillabe, ad esempio quando si va a capo: Era una bel-
    la giornata di primavera…

Slash

Si usa:

  • per dividere i versi di una poesia quando vengono scritti senza andare a capo: Si sta come / d’autunno / sugli alberi / le foglie
  • per indicare la divisione in sillabe al posto del trattino: ma/te/ma/ti/ca
  • per dividere i numeri di una data: 03/04/1992

Parentesi tonde

Si usano:

  • per isolare parole non strettamente necessarie per la comprensione del discorso, che forniscono indicazioni aggiuntive: Il professore (come appena dimostrato) sapeva il fatto suo.
  • per indicare l’autore di una citazione: “Ciò che non abbiamo osato, abbiamo certamente perduto.” (Oscar Wilde)

Parentesi quadre

Si usano:

  • con all’interno i punti di sospensione, per segnalare che alcune parole o frasi di un testo sono state omesse: «Secondo il mio modo di vedere, […] tutto dipende dall’intendere e dall’esprimere il vero non come sostanza, ma altrettanto decisamente come soggetto»
  • per inserire in un testo alcune parole allo scopo di rendere più comprensibile il testo stesso: Nel 1807 [Hegel] pubblicò l’opera Fenomenologia dello spirito.

Asterisco

Si usa:

  • per contrassegnare una parola che verrà spiegata in nota: Ciò viene spiegato in Fenomenologia dello spirito*.
    *Opera scritta da Hegel nel 1807.

  • ripetuto tre volte, per sostituire un nome proprio che non si vuole o non si può citare: Il signor *** sarà processato domani.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *