fbpx
Top
Grammatica

Periodi brevi e periodi lunghi

periodi brevi e periodi lunghi

Avendo aperto la porta di casa dopo il suono del campanello ed AVENDO RICEVUTO dal postino un pacco postale, Lucia, che si era appena alzata dal letto ma che era ancora assonnata perché era rientrata tardi ed aveva dormito poco, benché fosse incena sul da farsi, infine decise di tagliare lo spago e di aprire l’involucro per vedere che cosa contenesse.

Periodo lungo

Un brano un po’ complesso, non è vero? Il lungo periodo è composto da varie proposizioni che sono esattamente ben legate tra loro, ma in modo tale da provocare nel lettore un senso di fatica e di stento. Nelle composizioni scolastiche periodi così lunghi e complessi saranno di norma evitati per due motivi:

  1. chi scrive corre il pericolo di perdere il filo del discorso e di saltare qualcosa (cadendo così in errori di sintassi);
  2. un passo come quello che abbiamo ora letto si ascolta e si legge con difficoltà. Il rimedio è sempre quello solito: riscrivere, riformulare.

Diamo una nuova versione del passo, aggiungendo tra parentesi quadrate alcune possibili varianti:

Dopo il suono del campanello Lucia aprì la porta di casa e RICEVETTE dal postino un pacco. La giovane si era appena alzata dal letto, ma era ancora assonnata perché era rientrata tardi ed aveva dormito poco. Benché fosse incerta sul da farsi [Era incerta sul da farsi:], infine decise di tagliare lo spago e di aprire l’involucro per vedere che cosa contenesse [per vederne il contenuto].

Periodo breve

Cerchiamo ora di rimontare il passo partendo dalla fine:

Lucia decise infine di tagliare lo spago e di aprire l’involucro per vederne subito il contenuto. Era stata incerta sul da farsi. QUEL PACCO L’AVEVA RICEVUTO DAL POSTINO. Lei aveva aperto la porta dopo il suono del campanello. La giovane si era appena alzata dal letto. Era rientrata tardi ed aveva dormito poco. Pertanto era ancora assonnata.

Come appare, la ristrutturazione del passo comporta non solo una sintassi diversa (frasi brevi) e qualche variante nell’uso dei verbi (il trapassato prossimo in luogo del passato remoto), ma anche un diverso effetto sul lettore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *